HomeCibo per AnimaliDaini della Pineta di Classe: ennesima raccolta di firme per salvarli

Daini della Pineta di Classe: ennesima raccolta di firme per salvarli

C.L.A.M.A Ravenna, Italia Nostra sezione Ravenna e Oipa Ravenna lanciano una nuova raccolta di firme per i daini. Le associazioni sono contrarie alle soluzioni prospettate dagli amministratori regionali per risolvere l’eccessivo popolamento di daini nella nostra pineta.

“Nella recente risposta ad interrogazione della consigliera regionale Giulia Gibertoni l’assessore Alessio Mammi lo mette nero su bianco: “Si conferma che i cani utilizzati nell’attività di caccia sono portati a seguire la pista odorosa del daino anziché quella della fauna stanziale; pertanto, ciò può costituire elemento di disturbo all’attività stessa”. Non desiderano certo, le nostre istituzioni,  impedire il divertimento sadico di qualche individuo armato che non trova modo migliore di passare il tempo che straziare animali!  Ecco quindi delibere che citano danni all’agricoltura – che all’esame attento dei dati risultano pari a zero o poco più – , danni alla rete ferroviaria – per i quali non esiste nessun dato – incidenti stradali che la stessa Anas riferisce percentualmente molto bassi, e comunque evitabili con adeguati dissuasori, come già avvenuto in varie zone della nostra Regione. Perché scrivere in una delibera che i daini sono da ammazzare per poter permettere ai cacciatori di ammazzare altri animali, pare brutto.” Così in un comunicato le tre associazioni animaliste e ambientaliste.

“Ultima ma non meno importante, la conferma dell’intenzione di introdurre il cervo della Mesola nella pineta di Classe, per “fini conservativi”; ora, è noto che, essendo le due specie in competizione per il cibo su uno stesso territorio, questo significherebbe eliminare del tutto i daini (altro che mantenerli in vita come vuole far credere la Regione! Peraltro, impresa difficile in zone di caccia o allevamenti dove i nostri amministratori li hanno destinati). Quindi, lo spostamento del cervo della Mesola non sarebbe che un’ulteriore scusa per massacrare a piacimento i daini, che al momento non sono in competizione con alcun cervide; il che, oltre a farci comprendere come per i nostri amministratori gli animali non siano altro che figurine da spostare a piacimento, prospetta uno scenario di percolo anche per i lupi, che troverebbero nella nuova specie da “proteggere” l’unica risorsa trofica, ma pure per il cervo stesso, sicuro prossimo bersaglio delle associazioni di agricoltori e dei cacciatori, i cui cani verrebbero nuovamente distratti” continuano le associazioni che per evitare tutto questo, cioè “per rispondere alle richieste sempre più pressanti di salvare la vita a questi animali innocenti”, sabato 30 luglio lanciano a Ravenna una raccolta firme cartacea promossa dalla Rete a tutela dei daini. L’appuntamento è sabato dalle 9,30 alle 12,00 in piazza del mercato lato Questura, mentre il 4 agosto pomeriggio il ritrovo è a Lido di Classe all’Arena del Sole.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular